· 

Il Voltagabbana

Il voltagabbana è caratterizzato dalla capacità di entrare facilmente in relazione con le persone, di compiacerle con complimenti per poi screditarle in loro assenza. Si tratta di una persona che si sente insicura, emotivamente vulnerabile, arrabbiata con se stessa ed il mondo. Inventa storie sugli altri, enfatizza errori e fragilità nelle altre persone per sminuirle ed apparire superiore. Al voltagabbana piace fomentare conflitti e gode nel mettere gli altri in difficoltà, fare loro il vuoto intorno ed isolarle. Spesso, queste persone ci lasciano stupiti e confusi quando ci rendiamo conto del loro modo di agire subdolo, meschino, sottile e furtivo. 

Ci sono alcuni segnali che possono aiutarci ad individuare le persone in grado di tramare alle nostre spalle con l’intenzione di ferirci; il voltagabbana:

 

  • E’ particolarmente cordiale ed amichevole con chi non conosce bene;
  • Elargisce lusinghe e complimenti senza nessun motivo apparente;
  • Cerca di conquistare velocemente la vostra fiducia mascherando aspetti di se e motivazioni sgradevoli;
  • Si mostra da subito un grande amico e lo dimostra in modo plateale ma fa pettegolezzi e condivide confidenze sul vostro conto con altri;
  • Ha pensieri negativi sugli altri e si focalizza sui difetti delle persone.
  • La sua infelicità è così profondo che prova odio nei confronti di chi è felice o ha successo;
  • Attira l’attenzione su di se rivelando di quando alcune persone parlino male di altre;
  • Diffonde bugie su altri per sentisi bene e le usa per manipolare le persone;
  • Finge di tutelare gli interessi delle persone amiche solo per screditarne l’immagine, le opinioni, le capacità lavorative e lo stile di vita in loro assenza.
  • Nega qualsiasi responsabilità sulla diffusione di segreti condivisi, dicerie, menzogne o pettegolezzi;
  • Quando lo si confronta gioca a fare la vittima ignara della situazione, si dichiara innocente di venir accusato ingiustamente.
  • E’ una persona patologica, profondamente infelice, gelosa, invidiosa.

 

 

Come relazionarti con una persona che gioca a “ti pugnalo alle spalle”?

L’ideale sarebbe riuscire ad avvitare di entrare in relazione intima con persone affette da questa patologia ma poiché non sempre sono identificabili nelle prime fasi di costruzione del rapporto qual ora ci si rendesse conto del loro comportamento è bene confrontarli apertamente circa il loro fare “pettegolo e maligno”. Viceversa, se non lo si confronta i “voltagabbana” godranno dei loro trionfi e continueranno a screditare le persone vicine. Non è importante che riconoscano apertamente le loro responsabilità e facciano ammenda; il gioco terminerà quando sapranno di essere stati scoperti e di non godere più della vostra fiducia.

E’ da evitare di usare contro questi soggetti lo stesso gioco; non è saggio vendicarsi sui “ voltagabbana”. Dicerie e maldicenze usate contro i “voltagabbana” per inimicarseli porteranno ad una escalation dei giochi e non ad una cessazione. 

Bisogna evitare di coinvolgersi in conversazioni private e troppo intime con persone di cui non si ha fiducia e con cui non si ha una relazione basata sulla reciproca apertura e confidenza. Se non è possibile evitare persone di questo tipo è meglio tenere conversazioni brevi su temi generali e non troppo personali.

 

Leggi qui l'articolo: il salvatore.

Leggi qui l'articolo: la vittima.

 

 

 Dr. Sgambati - Psicologo Psicoterapeuta Pordenone

 Riproduzione vietata.