· 

La Personalità Ecoista (l'opposto del narcisista):

I tratti più evidenti che contraddistinguono una narcisista sono la grandiosità e la mancanza d’empatia verso gli altri. Un narcisista ritiene di essere una persona speciale e che il compito delle persone con sui si relaziona sia mostrargli adorazione. È una persona affascinante, abile nel corteggiamento ma che mostra un falso sé per celare le proprie insicurezze. Sul versante opposto troviamo la personalità ecoista. Si tratta di una persona che rifugge le luci della ribalta e preferisce di gran lunga restare nell’ombra per aiutare e servire gli altri piuttosto che approfittarsene per ottenere un qualche tornaconto personale. Individuare un egoista non è facile proprio perché tende ad avere un profilo piuttosto basso. Fa del proprio meglio per evitare di esporsi e di definirsi. Il partner con personalità ecoica e personalità dipendente sono quelli con maggiori probabilità di rimanere invischiati in relazioni amorose tossiche con un narcisista. 

Mentre il narcisismo è un disturbo di personalità incluso nel manuale diagnostico DSM-5 dei disturbi psicologici, l’ecoismo non è un disturbo e quindi non è diagnosticabile. 

Il termine ecoista è diventato popolare recentemente grazie al libro pubblicato dallo psicologo Craig Malkin nel 2016 dal titolo “Rethinking Narcissism”. 

Per comprendere meglio la nascita del termine narcisista ed ecoista dobbiamo fare riferimento alla mitologia greca. Narcisismo deriva dalla figura mitologica di Narciso innamorato del proprio riflesso ed Echo dalla ninfa dei boschi innamorata non corrisposta da narciso. Echo era stata privata della sua voce per punizione e quindi costretta a ripetere le parole degli altri riecheggiandole. Il dott. Malkin ha sviluppato il concetto di ecoismo attingendo dalla mitologia per rappresentare quelle perone che non hanno voce, che si prodigano solo per fare eco agli altri. Di seguito le caratteristiche della personalità ecoista:

 

  1. Ha paura di essere una persona speciale o di distinguersi in qualche modo. Mentre il narcisista sta sotto i riflettori l’ecoista sta nell'ombra lasciandogli il centro della scena.
  2. Si prodiga affinché siano soddisfatti i bisogni altrui piuttosto che i propri. Questo atteggiamento fa si che rinunci alla propria voce in modo che la persona che ama possa esprimere i propri pensieri e le proprie opinioni.
  3. Mette in primo piano le sue relazioni a scapito di se stesso. Si sacrifica per mantenere le relazioni con le persone del cuore per garantirsi la continuità del rapporto. L’amore che si garantisce è condizionato dal suo atteggiamento disponibile e compiacente. 
  4. E’ una persona particolarmente sensibile ed empatica. Probabilmente durante l’infanzia ha imparato a sintonizzarsi sui bisogni dei genitori a scapito della cura di se stesso.
  5. Non chiede aiuto perché parte dall’assunto che non ne riceverà. Per l’ecoista è troppo frustrante riporre la soddisfazione di un bisogno sull’altro e vedere che viene disatteso. Se instaura una relazione affettiva con un narcisista riesce a tollerare a lungo il fatto che il partner non si curi delle sue necessità proprio perchè è allenato a non aspettarsi nulla dagli altri. 
  6. Non ama ricevere complimenti.
  7. Non ama esprimere opinioni personali, definire un suo punto di vista o una preferenza. Si adegua a ciò che dicono o decidono gli altri.
  8. Non vuole dipendere dagli altri ed essere un peso. E’ convinto che se esprimesse le sue necessità, oltre al fatto che non verrebbero soddisfatte, potrebbe creare disturbo ed essere lasciato dal partner. Di fatto lo stare al “suo posto” ed il mostrarsi accondiscendente è il modo in cui ritiene di garantirsi la vicinanza e l’affetto degli altri soprattutto in una relazione di coppia.
  9. Non si sente in diritto di provare piacere, nemmeno sessualmente, e può avere difficoltà a rivelare i propri desideri e le proprie fantasie erotiche.
  10. Si sente in colpa quando ci sono delle incomprensioni nella coppia. Tende ad incolpare se stesso e a mettersi in discussione diversamente dal narcisista che invece biasima il partner per salvaguardare un’ immagine di se perfetta.

 

I tratti ecoici potrebbero rappresentare una strategia di coping appresa durante un’infanzia. Probabilmente la persona ha dovuto iper-adattarsi limitando i suoi bisogni infantili per sopravvivere ad una coppia genitoriale disattenta o in difficoltà. Uno o entrambi i genitori potrebbero aver avuto bisogno di essere al centro dell’attenzione rispetto alle necessità del figlio. Quel bambino è quindi cresciuto con la convinzione che non può essere visto ne ascoltato, che i suoi interessi, bisogni ed opinioni non sono importanti perché lui/lei stesso/a non lo. 

Attraverso la psicoterapia è possibile imparare a fare contatto con la propria voce interiore, darle spazio e farla emergere. Stare in una relazione tossica in cui non si possono sostenere le opinioni e in cui i propri pensieri non vengono ascoltati può essere disagevole per quanto si sia abitudini ad essere “invisibili” per gli altri. Per essere felici è necessario lavorare sull’assertività e sul diritto di esistere, esprimere in modo autentico, ricevere affetto in modo incondizionato.


Autore: Dott. Maurizio Sgambati - Psicologo Psicoterapeuta, Ipnoterapeuta, Analista Transazionale.

© Riproduzione vietata. L'articolo non può essere riprodotto o ripubblicato altrove, ne integralmente ne parti di esso, e con nessun mezzo.