· 

Il sesso visto dall’uomo e della donna

Il sesso in un rapporto di coppia rappresenta uno degli elementi fondamentali poiché funge da collante per tenere assieme le due metà  Rappresenta quindi una sorta di termometro per valutare il grado di profondità e vicinanza tra due partner. La presenza di sesso malgrado i dissapori è indice di una qualche forma di complicità che può fare tenere in piedi un rapporto seppur presenti difficoltà evidenti; al contrario la totale assenza segnala che i due individui si stanno allontanando e disimpegnando anche in altre aree (dialogo, condivisione di interessi, mutuo sostegno...). 

Affinché il sesso sia pienamente soddisfacente per entrambi i membri della coppia, ciascuno deve rischiare di aprirsi in modo totale al partner, rendersi vulnerabile, condividendo fantasie e bisogni alquanto profondi e strettamente personali. Questa apertura si realizza solamente se nel rapporto ciascuno si sente valorizzato, desiderato, necessario, amato, accettato e rispettato  incondizionatamente. 

Tuttavia il modo in cui gli uomini e le donne concepiscono il sesso è differente. Le aspettative nei riguardi del partner in tema di sesso cambiano a seconda del genere di appartenenza. Quando le aspettative dell’uno o di entrambi i partner vengono disattese la relazione comincia ad essere vissuta con insoddisfazione, delusione e frequenti sono i malintesi.

Quali sono le aspettative che in genere uomo e donna hanno rispetto all’intimità di coppia? Sono appunto diverse rispetto a 5 parametri:

 

1. Focus attentivo: la maggior parte degli uomini tende dare importanza al contatto fisico ed agli stimoli visivi (guardando o immaginando la partner). Il tempo di risposta allo stimolo erotico è breve, entro pochi minuti. Una volta che lo stimolo sessuale ha prodotto eccitazione l'uomo è prontO ad avere un rapporto sessuale. L’importanza che l’uomo attribuisce al sesso è maggior rispetto alle donne; è una priorità. La donna si approccia al sesso in modo diverso. Ricerca essenzialmente la relazione e il coinvolgimento emotivo più che il contatto fisico e sessuale in sè. 

 

2. Stimoli erotici: l’eccitamento, preceduto da una stimolazione esterna o interna, porta l'uomo all'erezione e la donna alla lubrificazione vaginale. Mentre l’uomo è stimolato da specifici aspetti della sua partner e quindi si erotizza attraverso la vista, (stimolo reale o immaginario o di fantasia), il tatto, l'odorato la donna invece è stimolata da aspetti d’insieme come gli atteggiamenti, le azioni ed il modo di parlare del suo partner. La donna non si limita a dare rilevanza all’atto fisico ma guarda alla persona nel suo complesso per sentirsi attratta. 

 

3. Bisogni: l’uomo sente la necessità di essere rispettato, di godere dell’ammirazione da parte della sua donna, di sentire che è necessario mentre la donna è alla ricerca di un compagno che le mostri comprensione, amore e le dedichi del tempo anche durante i preliminari. Il primo ha un bisogno auto-riferito di sentirsi confermato nel suo ego, la seconda ha bisogno di sostegno emotivo e protezione.

 

4. Risposta sessuale: nell'uomo è aciclica, il che significa che può eccitarsi ed avere un rapporto intimo in qualsiasi momento ed ovunque. Viceversa la risposta della donna è ciclica; attraversa momenti in cui è più interessata al sesso ed altri in cui può farne a meno. Un uomo ottiene rapidamente l’erezione mentre la donna è molto più lenta nel raggiungere il plateau ovvero lo stadio che precede l’orgasmo ed in cui il livello di eccitamento raggiunge il suo culmine. Ulteriore differenza sta nel fatto che mentre l’uomo durante il sesso riesce a focalizzarsi solo sulla prestazione la donna risulta più facilmente distraibile da stimoli esterni (ciò che accade attorno, dai bambini, dai rumori).

 

5. Orgasmo: è la fase in cui il piacere raggiunge l’apice e vi è una perdita temporanea di contatto con la realtà esterna. E’ qui ci sono le differenza più significativa tra uomo e donna. Il primo ha un rilascio sessuale o orgasmo in tempi relativamente brevi ed è osservabile fisicamente mentre quello femminile non è palese e può quindi essere simulato.

 

I conflitti di coppia a volte nascono proprio per il diverso approccio in merito al sesso. I problemi nascono quando l’uomo si concentra per sua natura solo sul lato fisico del sesso dimenticando quanto per l< donna sia necessario curare gli aspetti di relazione. La donna dal canto suo fatica a comprendere che essere maschio implica mettere il sesso in primo piano rispetto all'affettività ed al dialogo profondo.  

Alcune donne affermano di sentirsi risentite con i propri uomini per essere cosi fissati col sesso e, di riflesso, gli uomini si sentono rifiutati dalle loro donne per essere ciò che sono.

L’uomo non può ignorare i suoi bisogni sessuali così come donna non può sentirsi attratta e coinvolta quando non si sente amata e corteggiata.

Queste sono due realtà imprescindibili di cui è necessario tenere conto perché un rapporto di coppia possa durare. La relazione deve soddisfare i bisogni naturali ed intrinseci di ambedue i soggetti.

 

 

Dr. Maurizio Sgambati

Psicologo Psicoterapeuta Pordenone

 Riproduzione vietata.